Manaus

La città di Manaus è situata in prossimità del Rio Negro, a breve distanza dalla confluenza di quest’ultimo nel Rio delle Amazzoni. In qualità di capitale dello stato brasiliano denominato Amazonas, Manaus corrisponde ad uno dei centri di maggior rilievo del Brasile settentrionale. Originariamente battezzata Vila da Barra, Manaus  corrisponde ad un centro depositario di una storia alquanto radicata, intrisa di ramificazioni culturali dalle molteplici provenienze. L’edificazione del  1669, per la quale Manaus venne concepita come un forte, venne poi succeduta dall’acquisizione del titolo di Villa, o Città Piccola. La crescita della città giunse alla propria conclusione nel 1848, quando la stessa, rinominata Cidade da Barra do Rio Negro, ottenne appunto lo status di città. L’attuale nome di Manaus è dovuto essenzialmente alla tribù Manáo, nonché una delle etnie più influenti della regione di appartenenza. Il ventennio compreso tra il 1890 ed il 1910, significò per le etnie locali un’ulteriore opportunità di incontro con le genti di origine europea, le quali vennero qui convocate per arricchire le edificazioni di Manaus con lo stile tipico del continente europeo.

Manaus, corrispondente al centro amministrativo principale di tutta l’Amazzonia, costituisce il perfetto incontro tra la natura più rigogliosa ed un’opera umana sapientemente gestita. Per quanto riguarda le ricchezze paesaggistiche che contraddistinguono Manaus, è indispensabile fare riferimento al lago Januari, in prossimità del quale è successivamente sorto un parco di matrice ecologica. Il lago Januari offre ai propri spettatori un patrimonio naturalistico dal valore incommensurabile, segnato da numerose specie animali e vegetali assoggettate da un’intensiva opera di preservazione: in merito a ciò, emergono dall’insieme i Gigli Giganti e le Scimmie Cappuccine, presenti in molte aree del parco ecologico. Un sito altrettanto famoso ed apprezzato equivale allo Zoo di Manaus, nonché l’area entro la quale è possibile ammirare una porzione considerevole della concentrazione faunistica della regione amazzonica: tra le 300 specie ivi presenti, ad esempio, è possibile considerare le aquile ed i caimani. Ad implementare il valore attribuito alle ricchezze precedentemente descritte, inoltre, concorrono le spiagge che circondano la città, le quali, per causa della collocazione dei bacini acquiferi presenti lungo la periferia di Manaus, sono accessibili attraverso l’esclusivo utilizzo delle apposite imbarcazioni.

manaus-catedralPer quanto riguarda i siti d’interesse ricollocabili all’opera umana, invece, uno degli elementi che maggiormente spicca dall’insieme può essere facilmente individuato nel Teatro Amazonas, ubicato nel centro della città. Costruito nel 1896, il Teatro Amazonas sorse in qualità di strumento rivolto all’esternazione della grandezza della quale Manaus godette in corrispondenza dell’epilogo del XIX secolo. L’imponente teatro, interamente costruito con materiali importati dal continente europeo, racchiude un connubio di stucchi e decorazioni che comunicano chiaramente quanto la cultura europea abbia influenzato quella locale; contrariamente alla datazione del Teatro Amazonas, quest’ultimo viene tuttora ampiamente utilizzato, e spesso adibito a sfondo di spettacoli gestiti da artisti di fama internazionale. Un dettaglio comunicante l’abilità con la quale Manaus venne strutturata, inoltre, è costituito dall’Avenida 7 de Setembro, la quale suddivide la città in due parti, giungendo alle sue estremità. La ragguardevole strada, oltre ad ospitare innumerevoli locali riservati alla vita notturna, è inoltre la sede della Catedral Metropolitana, costruita nel 1685 e successivamente rivisitata nel 1878, epoca nella quale le venne attribuito uno stile tipicamente neoclassico.