Jericoacoara

Visitare  le magnifiche spiagge del Brasile è un’occasione perfetta per immergersi totalmente nelle meraviglie e nell’atmosfera di questo grande paese.

Sulla costa brasiliana le località dove trascorrere qualche giorno in completo relax sono numerose, ma una in particolare merita una tappa: Jericoacoara, angolo paradisiaco del Brasile ritenuto fra le 10 più belle spiagge di tutto il mondo.

Jericoacoara, chiamata anche Jeri, si trova a Nord nello stato di Cearà la cui capitale è Fortaleza. Non è certamente una delle località più accessibili del paese ma una gita in questa zona è davvero speciale e memorabile. Per raggiungerla si può prendere un volo di linea da Milano, Roma o altre città italiane facendo scalo a Lisbona e atterrando a Fortaleza. Dall’aeroporto i mezzi più economici per arrivare a destinazione sono poi il bus (circa 6 ore di viaggio) oppure un auto 4×4 a noleggio, perfetta per visitare il territorio circostante e giungere in 4 ore a Jericoacoara.

Fino a pochi anni fa era semplicemente uno sperduto borgo di pescatori, senza corrente elettrica né telefono, meta solamente di surfisti e appassionati di sport acquatici. Il nome è una combinazione di parole e si crede possa riferirsi all’abitudine delle tartarughe di arrivare nella zona per deporre le uova o ancora alla conformazione dell’area del faro che prende le somiglianze di un alligatore (Jacarequara).

Negli ultimi tempi anche il comparto turistico ha scoperto questo villaggio incantato così lontano dal mondo frenetico e caotico e l’ha reso una delle destinazioni più ambite di un viaggio in Brasile. Distese di sabbia infinite, acque calde e cristalline, laghi caratterizzati da acque dolci e scogli che sembrano dipinti: Jericoacoara è il luogo ideale dove sorseggiare una bibita all’ombra di una palma o fra gli alberi di mango allontanando lo stress.

Il desiderio di preservare dal turismo di massa le bellezze incontaminate della zona ha permesso a Jericoacoara di essere riconosciuta Area Ambientale Protetta, diventando nel 2002 un Parco Nazionale. Visitandola si capiscono immediatamente le ragioni di questa tutela ambientale. Il particolare ecosistema che si è creato in questa zona infatti non avrebbe potuto resistere ad aumenti demografici privi di controllo. Per questo, già nel 1984, circa un centinaio di ettari intorno a Jericoacoara vennero dichiarati Area di Protezione Ambientale e successivamente nel 2002 l’area si è estesa fino ad arrivare agli oltre 6 mila ettari dell’attuale Parco Nazionale.

I paesaggi sono davvero mozzafiato con dune mobili e spiagge bianche che poco hanno a che vedere con il turismo di massa. Il rispetto della natura è incondizionato e per questo motivo sia i residenti locali che l’IBAMA, l’organo che si occupa di proteggere e preservare le bellezze di questo ambiente, sono molto coinvolti nel mantenimento e nella salvaguardia del paesaggio. La vulnerabilità dell’ecosistema è infatti una delle caratteristiche che colpisce il viaggiatore che, partecipando alle escursioni organizzate, può vivere delle emozioni uniche e dimenticare qualsiasi tipo di cementificazione moderna.

Attualmente a Jericoacoara troviamo tutti i servizi per chi cerca comfort, benessere e divertimento e desidera alloggiare in un hotel di lusso o in una tipica pousada. Il numero di posti dove soggiornare però è inferiore rispetto ad altre località del Brasile, quindi è sempre consigliabile prenotare con un certo anticipo se si programma una visita in questa zona.

Anche i ristoranti tipici non mancano e, dopo una giornata trascorsa all’aria aperta, la serata continua in stile brasiliano, magari guardando i danzatori di capoeira sulla spiaggia o lasciandosi coinvolgere da una cena tipica e dal Forró, un ballo sensuale diffuso nel Nord Est del Brasile. Proposto da orchestrine dal sapore folkloristico questo ballo si appoggia su una musica che ricorda la samba e il merengue, seducente e ritmata al tempo stesso.

Pagina successiva >