Curitiba

A 934 metri d’altitudine, situata sull’altopiano del Paraná, vi è Curitiba, la capitale dello stato omonimo all’altura. Nonostante l’entità di Curitiba non possa essere in alcun modo paragonata alle dimensioni che contraddistinguono le metropoli come San Paolo, la capitale del Paraná riguarda una delle città più densamente popolate di tutto il Brasile, cui va associato, in riferimento alla sezione meridionale del Brasile, il primato per dimensioni. Curitiba, fondata in corrispondenza della metà del XVII secolo, e per la precisione nel 1654, fu segnata da una crescita graduale, regolare: contrariamente a ciò, il flusso migratorio che condusse a Curitiba tedeschi, italiani, polacchi ed ucraini, significò per la città la fusione tra più culture, le quali, a partire dal XIX secolo, avrebbero reso la capitale del Paraná una località estremamente eterogena, ma non per questo meno armoniosa.

Curitiba, oltre a rappresentare un vasto e diversificato centro, equivale anche all’area più ecologica del pianeta: la strategia di preservazione e diffusione degli spazi verdi venne inaugurata nel 1971, per volere dell’allora sindaco Jaime Lerner. Ad oggi Curitiba vanta una disponibilità di 55 metri quadrati di spazio verde per ciascun abitante.

In associazione all’abbondante concentrazione di riferimenti commerciali e industriali, perciò, l’elemento che maggiormente caratterizza Curitiba corrisponde certamente alla concentrata distribuzione delle apposite aree pedonali, cui va ad affiancarsi un sistema di parchi equamente ubicati per tutta l’estensione della città.

Curitiba offre ai propri ammiratori una vastissima gamma di proposte, adattabili alle inclinazioni più disparate. In qualità di città sostenibile, e perciò ricca di ampi spazi verdi, la capitale del Paraná propone numerosi parchi, alcuni dei quali inclusivi di attrazioni difficilmente riproponibili altrove.

Tale affermazione si risolve nei Japanese Gardens, situati presso l’Avenida Sete de Setembro: l’abbondante presenza di stagni, spesso arricchiti dalla collocazione di sculture tipiche della cultura giapponese, regala una visione d’insieme che rammenta luoghi lontani, dei quali tuttavia Curitiba racchiude l’essenza. Un’area altrettanto apprezzata, inoltre, è costituita dal Parque Tanguá, che con la sua estensione di 235,000 metri quadrati corrisponde al rifugio ideale entro il quale cercare riparo dal caos cittadino. Inaugurato nel 1996, il Parque Tanguá costituisce la soluzione ideale per tutti coloro che amano fare lunghe passeggiate, ma anche per le persone che sanno apprezzare  una corsa movimentata, ed ancora una stimolante escursione organizzata con l’ausilio della mountain bike.

Pagina successiva >